Ottimi Aquilotti Open!

Nel penultimo concentramento le manguste del 2003 migrano verso Riva del Garda per affrontare le due compagini lacustri della Virtus, l’Arcobaleno e l’Apecheronza, compagine  coraggiosa che schiera perlopiù scoiattolini del 2004.

Nella prima partita contro i virtussini, i roveretani privi di pedine importanti come Maxwell, Eris e Rosario, ingranano subito mettendo la testa avanti con il canestro di Elton, ma a causa di numerosi errori sotto canestro riescono soltanto a impattare il primo terzo della gara. Nel secondo terzo della gara i padroni di casa si impongono di misura, e le manguste continuano a commettere errori banali nella fase offensiva. L’ultimo quarto è una lotta, i roveretani si dimostrano più pericolosi ma faticano a concretizzare finché non riescono a trovare il canestro vincente di Luca M., annata 2004, a pochi secondi dallo scadere, impattando la gara con la Virtus.

Nella seconda partita i nostri si trovano a fronteggiare i piccoli dell’Arcobaleno, e anche qui dopo tre match agguerriti le manguste vicono due dei tre terzi, guadagnandosi l’incontro, anche grazie al grande cuore di Riccardo, che stringe i denti pur con una caviglia dolorante, dando del filo da torcere agli avversari, alcuni dei quali davvero mastodontici per altezza e stazza.

La terza partita è la più agile, coach Salvetti la gestisce facendo giocare solo per metà di un tempo i graduati, Luca S. e Matteo, sempre lodevoli, e lasciando più spazio al resto del team.

L’ultima partita cade contro l’altra rivana, che come la gemella lascia i suoi migliori in campo per due terzi su tre. Il primo terzo finisce in pareggio, il secondo è ampiamente vinto dai lacustri mentre nel terzo, così come con la gemella, i nostri riescono a segnare il canestro vincente allo scadere, grazie a una rubata e un perfetto layup in avvicinamento di Marco, quest’oggi tra i migliori in campo.

Così anche in trasferta, così come in casa, JBR può dirsi ancora imbatutto nella sfida coi pari età.

Oltre ai già menzionati, l’MVP spetta a Edoardo, autore di numerosi canestri e solida difesa, che tornato dopo un mese di assenza fa vedere i sorci verdi alle difese avversarie. E poi al solito bravi tutti, i due Andrea e i due Stefano che partita dopo partita salgono di livello, i due Lorenzo che nonostante il fisico tengono botta e sono tra i migliori al tiro, e Mounaim, che all’esordio si è dimostrato un arcigno difensore e discreto passatore, andando anche vicino al canestro dopo un rimbalzo catturato in attacco.

Insomma bravi, ora un mese di duro allenamento imposto dalla coppia Salvetti-Deflorian e poi pronti per l’ultima trasferta bolzanina, dove l’imperativo sarà quello di vendere cara la pelle, provando a concludere l’anno senza passi falsi.

Go JBR!

 

Lascia un commento