Il JBR-Promotion si tinge di rosa

La luuuuuuuuunga trasferta a Mori è sin da subito funestata dagli strali dell’influenza che costringe il JBR-Promotion a presentarsi con solo otto giocatori a referto alcuni dei quali, coach compreso, ancora alle prese con i postumi. L’inizio è attendista ma ci pensa subito Lollo a suonare la sveglia a suon di bombe e attorno a lui anche il resto della squadra cresce lentamente ma inesorabilmente. Nel frattempo fa capolino in campo nelle file del Mori anche il nostro beneamato Caronte.

Partita equilibrata e senza strappi, dunque, in cui la rotazione a otto si dimostra efficace perchè nessuno ha il tempo di raffreddarsi troppo in panchina.  Un punto dopo l’altro saranno quasi venti i punti di vantaggio per il JBR anzi, sarebbero stati proprio venti se Calisti non avesse imbucato da metà campo allo scadere un tiro degno del miglior Tiger Woods per il 45-62 finale.

La partita successiva del JBR-Promotion, di nuovo in dieci,  è al PalaChiesa contro un Villazzano C con ambizioni di alta classifica. L’inizio è subito degli ospiti ma con due bombe consecutive i roveretani si rimettono in scia e superano, con un Piccoli ispirato, il Vallazzano che però riesce con l’esperienza a non far scappare la squadra di casa. All’intervallo ci sarà un solo punto di vantaggio a favore del JBR.

Le frecce del dio dell’amore addolciscono il canestro JBR che grazie alle buone percentuali, finalmente!,  prende una decina di punti di vantaggio ben gestiti fino alla fine nonostante i ripetuti cambi di difesa tentati dagli ospiti. I pellegrinaggi alla linea della carità nel finale fissano il punteggio sul 65-53.

Lascia un commento