Avere successo è sinonimo di vittoria?

“Il successo è quello che stato mentale di pace che si raggiunge solo attraverso la soddisfazione nel sapere di aver fatto il massimo sforzo per fare ciò di cui si è capaci”, parola di John Wooden, storico allenatore NCAA. Avere successo, quindi, non è essere meglio di qualcun altro battendolo, ma essere soddisfatti perché siamo stati il meglio di noi stessi.
Ripensando allo scorso articolo, dove si parlava della differenza tra prestazione e risultato, diventa quasi naturale tirare in ballo anche il successo, spesso confuso con la somma di vittorie che una squadra o un atleta ottengono.
Coach Bobby Knight, altrettanto grande allenatore NCAA, diceva “Tutti vogliono vincere, ma pochi sono quelli che vogliono davvero prepararsi per vincere”.
Coach Wooden e Coach Knight, ciascuno a modo suo, provano a distogliere la nostra attenzione dalla vittoria spostandola sulla prestazione, su cosa che viene fatto e, soprattutto sul come!

Successo e settore giovanile

Quando si parla di sport, a maggior ragione a livello giovanile, identificare noi stessi o i “nostri” ragazzi con i risultati delle partite rischia di farci vedere il mondo in bianco e nero:

• vittoria = bravi;

• sconfitta = cattivi.

Essere, come diceva Coach Wooden, “la migliore versione di sé” è un percorso difficile, è un allenamento costante dove errori, intoppi e momenti difficili sono all’ordine del giorno.
Risulta essere riduttivo, prendere solo l’esito di una o più partite come metro di misura del percorso di un singolo atleta o di un gruppo, a maggior ragione in uno sport di squadra come il basket dove esiste sempre un confronto con un altro diverso da sé.
Ecco perché ragazzi ed adulti hanno il dovere di tenere gli occhi sul percorso, non solo sulla destinazione. Sbagliare si può, sbagliare si deve, soprattutto quando l’errore ha dentro di sé la spinta e l’intenzione ad essere migliori di prima.

Per concludere

Lo scopo principale del settore giovanile è quello di imparare a giocare, di apprendere per poter poi essere in grado di competere ad un livello senior. Diventa quindi ancora più attuale quello che ci diceva Coach Wooden, incoraggiandoci a lavorare per “essere migliori di prima”.
I focus del settore giovanile sono quindi: apprendimento, miglioramento, formazione e scoperta. Avere successo, quindi, significa mettere insieme più miglioramenti possibili durante il proprio percorso. Nelle prossime puntate andremo a comprendere meglio gli aspetti mentali del miglioramento.
Nel frattempo grazie Coach Wooden!